• Animazione
    Animazione

    Paola, una delle nostre educatrici durante le attività con i nostri ospiti

  • Ci siamo dal 1963
    Ci siamo dal 1963

    La nostra RSA dispone di 137 posti letto di cui 24 sono dedicati al Nucleo protetto Alzheimer e accreditati dalla Regione Lombardia.

  • Polaris, RSA Aperta
    Polaris, RSA Aperta

    Il salottino di Polaris, il nostro centro semiresidenziale, uno dei servizi della nuova RSA Aperta inaugurata nel gennaio 2015, ospita durante il giorno 20 persone affette da demenze o malattia di Alzheimer

  • Il Personale della Fondazione
    Il Personale della Fondazione

    Fondazione Ferrario impiega oltre 111 persone tra medici, infermieri, ASA, OSS e personale amministrativo per offrire il miglior servizio ai nostri ospiti

  • Riabilitazione
    Riabilitazione

    Gloria, terapista della riabilitazione, durante le attività in palestra con una nostra ospite

La R.S.A. per anziani è costituita da un unico corpo di fabbrica edificato in due tempi: una prima parte terminata nel 1978 ed una seconda terminata del 1996 con una ricettività attuale di 137 posti letto di cui 24 dedicati agli ospiti affetti da malattia di Alzheimer. Nel 2010 è terminata l'edificazione del nuovo salone polifunzionale a disposizione degli ospiti.

I tre piani di degenza della nuova ala accolgono 16 ospiti, non autosufficienti totali, cadauno suddivisi in sei camere doppie e quattro singole per piano, tutte con servizi privati ed impianto per gas medicali.   Ogni piano è poi dotato di sala ristorante, salotto, infermeria, ambulatorio medico, bagno attrezzato, locali di servizio vari.   Il primo piano della vecchia alla accoglie il Nucleo Residenziale Alzheimer con 24 posti letto in camere doppie con servizi privati; sono inoltre una sala ristorante, un salotto, l’ambulatorio medico con infermeria annessa e vari locali di servizio.

Attualmente è in corso di ristrutturazione una parte del reparto Alzheimer che sarà a disposizione per le attività degli ospiti del nucleo e dei loro familiari.   Il secondo ed il terzo piano della vecchia ala accolgono le 60 camere singole, con servizi privati, per ospiti non autosufficienti; ad ogni piano sono siti salotti, sala ristorante, cucina ad uso degli ospiti, locali di servizio.   Nella struttura sono state abolite le barriere architettoniche e 7 ascensori provvedono ai collegamenti tra i vari piani.   Alla struttura è annesso un vasto parco di circa 8000 metri quadri di superficie con alberi secolari.

DIRETTORE SANITARIO Dr. Fabrizio Borsani
COORDINATRICE SERVIZI INFERMIERISTICI E ASSISTENZIALI Dott.ssa Barbara Pirola

Nella retta di degenza sono comprese le seguenti prestazioni:

PRESTAZIONI SANITARIE: il servizio è garantito 24 ore su 24. Lo staff sanitario è costituito da un Direttore Sanitario, tre medici curanti, sette medici di guardia, uno psicologo e dieci infermieri professionali.

PRESTAZIONI ASSISTENZIALI: l’assistenza continuativa ai bisogni primari degli ospiti è assicurata da Operatori Socio Assistenziali qualificati mediante appositi corsi regionali.

PRESTAZIONI FISIOTERAPICHE: all’interno di un’ampia palestra attrezzata operano, sotto le direttive di un medico specialista in fisiatria, tre fisioterapisti per la cura, il recupero funzionale e la rieducazione motoria, nonché interventi di attivazione di gruppo o singoli. Il servizio inoltre fornisce terapie fisiche quali ultrasuoni, ultravioletti e infrarossi.

SERVIZIO ANIMATIVO FERIALE E FESTIVO: agli ospiti viene garantita quotidianamente la possibilità di partecipare ad attività animative, sia terapeutiche sia ludiche, organizzate sia da nostri operatori specializzati che da gruppi di volontari.

PRESTAZIONI ALBERGHIERE: vengono ovviamente erogate tutte le prestazioni alberghiere quali il servizio di ristorazione, lavanderia, pulizia della camera, riviste e giornali, consegna della posta in arrivo, ecc.

Per la somministrazione dei pasti la struttura  si avvale di un menú stagionale autorizzato dagli organi preposti al controllo tenendo conto dello stato di salute degli ospiti. Sono possibili diete particolari su prescrizione medica.

SERVIZIO AMMINISTRATIVO: gli uffici sono siti al primo piano della Villa Ferrario. Tutte le pratiche inerenti il ricovero possono essere svolte anche da un parente o da un delegato dell’ospite.

SERVIZIO RELIGIOSO: La Fondazione Ferrario garantisce il diritto all’Assistenza religiosa. Al piano terra esiste una cappella per le pratiche del culto cattolico aperta tutti i giorni nelle ore diurne. Una comunità di suore opera quotidianamente nella struttura. Tutti i venerdì, ed in occasione delle Festività, viene celebrata la S. Messa in orario pomeridiano nella cappella o nel salone attiguo.

SERVIZI ACCESSORI A PAGAMENTO

  • Servizio di lavanderia (lavaggio e stiratura effetti personali)
  • Barbiere, parrucchiere se richieste all’esterno;
  • Telefono in camera
  • Trasporto privato 

Le prestazioni per i servizi accessori sono direttamente corrisposti ai prestatori dei servizi esterni

Procedure di ammissione

L’accesso alla struttura avviene tramite apposita istanza da parte dell’interessato, dei suoi parenti o in alternativa per il tramite dei servizi sociali dei Comuni di Residenza, correlata dalla richiesta documentazione, da inoltrarsi presso l’Ufficio Accettazione.

Le persone interessate possono ritirare la modulistica presso la portineria della RSA o presso gli uffici amministrativi, oppure attraverso i collegamenti di questa pagina potrete scaricare tutta la documentazione necessaria per poter effettuare la domanda di accoglienza alla RSA.

Tale modulistica in caso di necessità può essere trasmessa al domicilio degli interessati.Chi fosse interessato ad una visita della struttura può compierla, previo appuntamento con le Suore operanti (chiamando la portineria al nr. 02939301.1).

Una volta raccolta la documentazione sopra citata, le persone devono consegnare il tutto, di persona presso l’ufficio amministrativo, oppure tramite fax, posta, posta elettronica Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Successivamente a ciò, le domande  vengono inserite in lista d’attesa  secondo il grado di fragilità risultante dalla documentazione sanitaria e quindi in base al reparto più idoneo all’accoglienza. Prima di emettere il giudizio finale di ammissibilità e classe di fragilità, la Direzione Sanitaria può richiedere di sottoporre a visita medica l’interessato o l’esecuzione di ulteriori esami di laboratorio o visite specialistiche.

Nel momento in cui si viene a creare la disponibilità della camera di degenza, l’ufficio amministrativo preposto, contatta telefonicamente al recapito segnalato l’interessato e viene fissato il giorno e l’ora d’accesso alla struttura, provvedendo di conseguenza ad avvisare anche la capo sala circa la data pattuita.

Il giorno dell’ingresso, l’interessato o chi per esso, presso gli uffici amministrativi deve sottoscrivere degli appositi moduli e provvedere al versamento del deposito cauzionale. Nel caso in cui i tempi di attesa fossero superiori all’anno è previsto il rinnovo della domanda, non più corredata da certificati o altri documenti, pena l’archiviazione della stessa.

Nell’eventualità che le persone richiedano volontariamente di posticipare l’ingresso e, ciò, comunicandolo per iscritto, la domanda verrà retrocessa in coda alle rispettive liste e, successivamente al secondo rifiuto vedranno archiviata la pratica.

Nel caso in cui il domandante avesse residenza anagrafica al di fuori della Regione Lombardia, all’atto della presentazione della domanda viene richiesta una impegnativa, in originale o in copia autenticata, al pagamento delle spese sanitarie, in entità pari a quelle della ASL di residenza della persona.L’ammissione alla RSA è subordinato alla produzione di detta impegnativa.

Dimissioni o allontamento dell'ospite

L’ospite che lascia la R.S.A (decesso/dimissioni volontarie e non volontarie ) deve liberare la camera  da tutti gli oggetti personali siano questi indumenti, suppellettili o altro che non potranno essere lasciati nemmeno a titolo di donazione.

In caso di dimissioni volontarie, le stesse dovranno essere comunicate all’amministrazione previo avviso scritto da dare almeno 7 giorni prima.

Le dimissioni del ricoverato possono essere proposte dalla Direzione Sanitaria all’Amministrazione dell’Ente qualora sussistano le seguenti situazioni:

Incompatibilità dell’ospite con la struttura sotto il profilo sanitario, igienico e comportamentale

Rifiuto da parte dell’Ospite o dei suoi parenti al trasferimento interno in diverso reparto di ricovero.

In caso di insolvenza, l’ospite, con preavviso di almeno 7 giorni, verrà dimesso e accompagnato all’abitazione di chi sottoscrive l’impegnativa, con spese a suo carico.

Le chiavi della camera dovranno essere riconsegnate presso gli Uffici Amministrativi dal Lunedì al Venerdì o presso la Portineria il Sabato e la Domenica.

In caso di comportamenti diversi da quelli sopra esposti la camera sarà ancora considerata occupata e quindi si provvederà alla fatturazione con la tariffa prevista.

Il Deposito Cauzionale, versato al momento dell’ingresso, verrà restituito alla persona che ha sottoscritto l’impegnativa e verrà ritornato solo nel caso in cui tutte le fatture emesse in precedenza siano state pagate.

Detta Cauzione, inoltre, viene incamerata, nel caso in cui l’ospite si dimette senza il preavviso scritto, come pure nel caso di reiterato mancato pagamento entro i termini stabiliti (30 giorni dalla fine del mese di riferimento), previa diffida ad adempiere.

Nell’eventualità dell’incameramento della cauzione il firmatario dell’impegnativa al pagamento si impegna ad integrare totalmente la cauzione stessa, entro sette giorni dall’avviso della Fondazione, consapevole che l’inottemperanza a tale invito, determina la dimissione e l’accompagnamento dell’ospite congiunto alla propria abitazione, con spese a suo carico.

La domanda di inserimento nella R.S.A. dovrà essere corredata dalla seguente documentazione:

  • Certificato del medico curante secondo scheda allegato
  • Certificato di esenzione da patologie infettive e diffusive
  • Certificato di esenzione da malattie psichiatriche
  • Certificato di eventuale riscontro di demenza senile rilasciato da unità di valutazione geriatria o specialista competente 

Esami di laboratorio: 

  • VDRL – TPHA – HBsAg – HCV – coprocultura (massimo sei mesi) 
  • Referto di radiografia del torace (di recente esecuzione - massimo sei mesi) 
  • Nr. 2 fotografie recenti
  • Per i residenti, almeno da 5 anni, nei Comuni di Vanzago, Pogliano Milanese e Pregnana Milanese, nr. 1 certificato di residenza o autocertificazione. 
  • Per i soggetti con residenza anagrafica extraregione Lombardia l’ammissione è subordinata alla produzione dell’impegnativa – in originale o in copia autenticata – al pagamento delle spese sanitarie rilasciata dall’A.S.L. di residenza anagrafica sulla base delle tariffe vigenti pro-tempore nella Regione Lombardia. 
  • Dichiarazione della composizione del nucleo familiare limitatamente ai parenti ed affini di 1° e 2° grado.

N.B.: i certificati medici devono essere in originale o in copia autenticata; i referti degli esami strumentali e di laboratorio anche in copia semplice.   

PROCEDURE DI VALUTAZIONE ED AMMISSIONE 

Successivamente alla presentazione della domanda completa di tutta la documentazione richiesta la Direzione Sanitaria della R.S.A. procede alla sua  valutazione e quindi alla determinazione della classe di fragilità mediante apposito programma elaborato dalla Regione Lombardia. In base alla classe di fragilità sarà definito il reparto di accoglienza con la relativa retta degenza; prima di emettere il giudizio finale di ammissibilità e classe di fragilità la Direzione Sanitaria può richiedere di sottoporre a visita medica l’interessato o   l’esecuzione di ulteriori esami di laboratorio o visite specialistiche. 

La visita medica se disposta dalla direzione sanitaria è gratuita mentre se è richiesta dall’interessato o da suoi parenti è a pagamento secondo le tariffe fissate dall’ordine dei medici. 

Successivamente a quanto sopra la Direzione Sanitaria si riserva di:

  • Confermare o meno il giudizio di ammissione, entro 3 mesi dall’ingresso.
  • Proporre – all’Amministrazione dell’Ente - la dimissione dell’ospite che non sia compatibile con la struttura sotto il profilo sanitario, igienico e comportamentale. 

Al termine di queste procedure il nominativo viene inserito nelle liste d’attesa divise per reparti. 

A completamento dell’iter burocratico il richiedente riceverà specifica comunicazione di avvenuto accoglimento della domanda con individuazione del reparto di assegnazione.

Le rette in vigore dal 1° gennaio 2017 sono:

TABELLE RETTE

RETTA "A"

Deficit cognitivi morbo di Alzheimer

Euro 79,50

RETTA "B" Camera doppia

Deficit funzionale medio-grave

Euro 73,50

RETTA "B" Camera singola 

Deficit funzionale medio-grave

Euro 79,50

DEPOSITO CAUZIONALE

CLASSE "A"  Euro 2.450,00
CLASSE "B" camera singola  Euro 2.450,00
CLASSE "B" camera doppia Euro 2.260,00

Il versamento del deposito cauzionale deve essere effettuato all’atto dell’ammissione.

E' previsto uno sconto sulle rette di degenza nella RSA per i residenti da almeno 5 anni nei comuni di Vanzago, Pogliano M.se e Pregnana M.se.

Retta per ospite che conserva la disponibilità della camera anche quando è assente dalla RSA (ricovero in ospedale, vacanze, ecc.) per i primi 15 gg. retta intera, poi riduzione del 15% sull’importo della retta giornaliera.  

LE MODALITA’ DI PAGAMENTO della retta a scelta degli ospiti possono essere o mezzo SDD o MAV.

ORARIO ATTIVITA'
7.00 CURA DELLA PERSONA (alzata, igiene, vestizione)
8.30 COLAZIONE
9.00 ATTIVITA’ personali varie (sanitarie, ricreative, fkt, ecc.)
10.00 ATTIVITA’ ANIMATIVE sui piani di degenza
12.30 PRANZO
13.00 ATTIVITA’ personali varie (riposo, ricreative, fkt, ecc.)
15.30 ATTIVITA’ RICREATIVE, CULTURALI, SOCIALI, ecc 
16.00 MERENDA
17.30 TERMINE ATTIVITA’ ANIMATIVE
18.30 CENA

Il presente programma delle attività può essere modificato in base alle necessità sia della struttura che dell’ospite fermo restando le ore stabilite per le attività di pranzo, colazione e cena. Eventuali variazioni saranno esposte in bacheca, all’ingresso della struttura entro il 30° giorno prima dell’entrata in vigore.  

L’orario delle visite deve essere scrupolosamente limitato tra le ore 8.00 e le ore 20.00. 

Durante la visita non si deve turbare la serenità dell’ambiente e la piena efficienza operativa della struttura (intralciando il personale nei suoi compiti). Ognuno deve tenere presente le esigenze anzitutto degli ospiti, e ciò, sia nell’uso delle strutture comuni o nell’impiego di strutture od apparecchi propri.   E’ vietato ad ospiti e parenti l’ingresso in locali dove sia espressamente indicato il divieto edai parenti è vietato accedere ai locali di ristorazione; si rammenta che è fatto divieto di fumare nella struttura E’ facoltà del personale medico e paramedico nell’esercizio delle proprie funzioni, allontanare parenti e visitatori dalla stanza; E’ vivamente consigliato di evitare di portare cibi deperibili in camera agli ospiti e farmaci senza specifica autorizzazione del medico curante. L’accesso alla struttura dalle ore 20.00 alle ore 8.00 è consentito a parenti di ospiti che versino in particolari situazioni patologiche. La richiesta viene inoltrata all’infermiera di piano che informa il medico o la capo sala la quale rilascia autorizzazione all’accesso e allo stazionamento nella camera dell’ospite di un solo parente. Tale permesso può riguardare anche più persone nel caso di ospite in stato agonico

Questo sito utilizza cookies per memorizzare informazioni sul tuo computer. Alcuni sono fondamentali per il funzionamento del nostro sito, altri ci aiutano a migliorare l’esperienza degli utenti Utilizzando questo sito, acconsenti al posizionamento di questi cookies. Per saperne di più, clicca sul bottone privacy